vai al contenuto. vai al menu principale.

La città di Gattinara appartiene a: Regione Piemonte - Provincia di Vercelli

Menu di navigazione

Chiesa di Santa Maria della Consolazione

Nome Descrizione
Indirizzo All’entrata sud del centro abitato
Apertura Chiusa - Visibile solo dall'Esterno
Informazioni Parrocchia San Pietro - Tel. 0163.833109
L’oratorio della Consolazione occupa il sito di un segnacolo, forse un pilone, attestato in documenti bassomedievali in prossimità del confine tra il territorio di Gattinara e quello del vicino villaggio di Rado, a lato della strada vercellese. Nel XV secolo si trova qui una cappelletta, ornata di un affresco, che, presumibilmente nel secolo successivo (è attestata una ricostruzione dell’edificio nel 1605) viene inglobata nella struttura odierna, dotata di un portico su colonne lapidee. L’oratorio è restaurato ai primi del ‘900, dopo essere stato adibito anche a lazzaretto, mentre data al 2004 il restauro del pregevole affresco cinquecentesco.

GUIDA ALLA VISITA: Il portico a tre archi che protegge l’ingresso dell’oratorio ricorda la sua collocazione accanto ad una strada di grande importanza, percorsa anche in antico da numerosi viandanti che potevano trovare qui temporaneo riparo dalle intemperie o un poco di ombra nelle giornate più torride. Interessante è la lunetta affrescata sopra la porta (XVII secolo), nella quale spicca, la figura di S. Carlo Borromeo, che una tradizione locale dice essere passato da Gattinara durante uno dei suoi numerosi viaggi.

All’interno si nota, sulla parete di fondo, un pregevole affresco, recentemente restaurato, con la Vergine attorniata da alcuni santi; l’opera, verosimilmente posta sull’originario pilone, è datata al 1526, a firma di un tale Petrus Bertinus, e riprende modi tipici della scuola pittorica locale Quattro-Cinquecentesca di matrice tardogotica, caratterizzata da spunti vivacemente descrittivi soprattutto nella resa delle vesti e delle acconciature. Altri affreschi ornano la zona presbiteriale dell’oratorio, tra i quali quello sulla parete destra, datato al 1611.